066290034 info@3cpiua.com

Come si arriva a prendere la decisione di eseguire la protesi al ginocchio?

 

Di solito la scelta della protesi è un problema che affligge maggiormente la popolazione anziana ma oggi, sempre più spesso, ci si trova di fronte a pazienti giovani nei quali decidere se fare questo tipo di intervento è molto complesso, inquanto la protesi al ginocchio è un intervento definitivo.

Il ginocchio - anatomia

Il ginocchio – anatomia

 

L’articolazione del ginocchio comprende la parte finale del femore, la rotula e la parte prossimale di tibia e perone, nonchè i legamenti e i menischi.

 

La protesi al ginocchio consiste nella sostituzione della superficie dell’articolazione. Non vengono asportate completamente le componenti ossee ma, con delle maschere speciali, vengono eseguiti dei tagli in modo tale da incapsulare la stessa superficie articolare. Queste maschere possono essere messe a pressione (press fit) o più comunemente con del cemento.

 

 

Artrite ginocchio

Artrite ginocchio – Osteoartrite

La principale causa del dolore al ginocchio, che porta poi ad eseguire la protesi, è l’artrosi cioè l’usura della superficie dell’articolazione, che porta pian piano ad una deformità della stessa. Il paziente avverte un dolore continuo, un dolore persistente che molto spesso lo affligge anche a riposo, al punto tale da dover ricorrere giornalmente a dosi elevate di antinfiammatorio.

Anche in questo caso ci vengono in aiuto molti presidi come la fisioterapia o le iniezioni, sempre più diffuse all’interno del ginocchio, di sostanze come cortisone o acido ialuronico.

Per diagnosticare l’artrosi del ginocchio è sufficiente eseguire una radiografia, in piedi, nella proiezione antero-posteriore e nella proiezione laterale. Sarà poi l’ortopedico, dopo aver analizzato approfonditamente l’articolazione e aver guardato le radiografie, a decidere se c’è l’indicazione a eseguire la protesi del ginocchio. Anche in questo caso sarà la sensazione, il dolore, la limitazione delle attività di vita del paziente a fare si che l’intervento venga eseguito o meno.

Ci sono pazienti che, per problemi cardiaci o altri tipi di problemi come insufficienza renale, esiti di ictus, emorragie celebrali o comunque per una serie di problemi, non possono fare l’intervento e il loro dolore può essere controllato con altri presidi.

Pertanto il problema principale sta proprio nel fare la scelta di eseguire la protesi, ed è fondamentale che il paziente varchi la soglia dello studio ortopedico dicendo “Dottore mi voglio operare”. Lo scopo dunque è quello di dare la corretta indicazione all’intervento e di aiutarlo nella scelta.