066290034 info@3cpiua.com

DOLORE AL GINOCCHIO: L’EDEMA DELL’OSSO SPONGIOSO


VUOI AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

CHIAMA SUBITO

Tel: 06/6290034

oppure

CONTATTACI PER UN CONSULTO GRATUITO

15 + 11 =

Il dolore al ginocchio è un problema molto diffuso e spesso viene attribuito alla degenerazione o rottura del menisco, ma non è sempre così. Possono esserci altre cause fra cui l’EDEMA dell’OSSO SPONGIOSO, che generalmente si prendono poco in considerazione ma è bene avere una diagnosi corretta che prenda in considerazione altre alterazioni, così da poter individuare la giusta terapia Fisioterapica ed evitare anche un intervento inutile.

Articolazione del ginocchio e edema

Generalmente l’EDEMA si localizza nella parte interna dei condili femorali e del piatto tibiale ma si possono avere situazioni diverse in base alla localizzazione del Dolore:

  • SINDROME MIDOLLARE se il dolore è localizzato solo al livello dei condili femorali, e può passare da un condilo all’altro, raramente interessa la tibia;
  • EDEMA post trauma se il dolore riguarda sia i condili che il piatto tibiale.

In questa situazione il dolore aumenta con il carico e anche il semplice camminare può diventare un problema.

Facciamo di più…la Visita Specialistica a 50 €

Contattaci


Cause e Diagnosi


Le principali cause dell’edema dell’osso del ginocchio, escluse patologie come infezioni o tumori, sono dovute a:

  • Traumi diretti tipo contusioni o indiretti come la rottura del crociato anteriore;
  • Microtraumi ripetuti dovuti a sollecitazioni anomale dell’osso;
  • Sindrome dell’osso spongioso dovuta, sembra, a delle ischemie temporanee che avvengono nell’osso stesso.

La diagnosi è sicuramente più immediata in caso di traumi in quanto la risonanza magnetica evidenzia da subito il danno che ha provocato l’edema.

Cosa più difficile da evidenziare è l’edema nella Sindrome Midollare in quanto l’insorgenza dello stesso può risultare visibile solo dopo alcune settimane dall’insorgenza del dolore e si può confondere con le lesioni meniscali già esistenti a cui si può attribuirne la causa.

Per evitare l’intervento chirurgico, peraltro inutile, è bene ripetere l’esame dopo un paio di settimane.

Come si cura


Oltre alla terapia farmacologica all’applicazione del ghiaccio e al riposo, è bene rivolgersi ad un Fisioterapista specializzato il quale, insieme alla terapia manuale, applicherà una terapia fisica in questo caso la più idonea è la Magnetoterapia, per accelerarne la risoluzione.

CONTATTACI PER UN CONSULTO GRATUITO


VUOI AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI

CHIAMA SUBITO

Tel: 06/6290034

Oppure inviaci una mail

4 + 3 =